Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
6 décembre 2009 7 06 /12 /décembre /2009 12:00

 

Nerone è passato alla storia, soprattutto come l’incendiario della città di Roma, fu nella notte del 18 luglio dell’anno 64 d.C. che, per allontanare dal suo palazzo i quartieri poveri e malsani della città che disturbavano la vista e l‘odorato dell‘imperatore, Nerone invece di far fare dei lavori per attuare una sana bonifica, li fa incendiare.

 

La popolazione, ch3e sa che è stato lui a darne l’ordine, si rivolta contro l’incendiario che per discolparsi chiama in causa i cristiani, che guarda caso non erano amati dagli adoratori del Sole e delle statue dei templi pagani sparsi in tutta la città, quasi non gli pareva vero a tutti quei sacerdoti e venditori di statue e templi che avevano finalmente l‘occasione di liberarsi da quegli scomodi cristiani.

 

La persecuzione fu, non solo terribile, ma disgustosamente feroce su quei pacifici cristiani che piccoli e grandi, uomini donne e bambini, furono dati in pasto ai cani in tutte le strade di Roma. Questi seguaci di Gesù Cristo, non solo furono dilaniati da bestie feroci incitati e buttati addosso da un popolo di romani che si divertiva per tanti orrori, ma si misero pure bruciarli quando i cani non avevano più fame.

 

Un milione di abitanti erano a Roma in quell’anno 64, un milione di persone che non contenta di solo uccidere, spargeva di pece e cera i poveri cristiani per poi bruciarli la notte come fiaccole per illuminare la città.

 

Questo assassino non vivrà in pace, anche se tre anni dopo le persecuzioni si erano attenuate tanto da far ritornare i cristiani che erano riusciti a scappare e dopo la morte di Pietro di Volterra eleggono vescovo di Roma Lino che manterrà la carica fino al 76.

 

Finalmente il 9 giugno del 68 Nerone viene ucciso nel suo palazzo all’età di 30 anni e sei mesi, mentre in Giudea, Vespasiano ha scatenato una forte repressione contro la setta giudaica degli Zeloti (il loro “zelo” era un desiderio di libertà) che mal sopportavano l’occupazione della loro terra dalle truppe romane.

Partager cet article

Repost 0

commentaires

Présentation

  • : Le blog de Salvatore Comisi
  • Le blog de Salvatore Comisi
  • : Poésies, études de la Bible et articles sur tout ce qui concerne à la chrétienté du premier siècle à nos jours
  • Contact

Recherche

Liens