Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
27 janvier 2010 3 27 /01 /janvier /2010 11:47
                                                                                         AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA (Poeme contre la discrimination)
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
( D I G N I T A' )

Dopo aver letto un articolo sul giornale IL SECOLO XIX del 03.10.1996 pagina 9

Oh! Italia, mia cara Italia dove son nata,
oggi camice verdi disprezzano ed offendono
come lo fece un di quella si “ fiera armata ”
di camice nere, quelle orde fasciste, furono
or non son più, chè un forte vento di libertà
li ha spazzati via? Sono ritornati in sicurtà?

Povera illusa, ignara sono andata in salute,
a Milano la dove certo c'è gente ammalata.
Dal medico andai per certificazioni dovute
Di sana e robusta costituzione e fui assalita
Da un furente odio propositi da scissionista
quello non era un medico, era solo leghista.

I miei dati educatamente declinai, ero ignara
di essere capitata in un lagher dove si tortura
Duro disse: “mi ripeta da dove proviene” ora
io preciso, dal salernitano, sono di Battipaglia
e lui rincara offensivo: “ma come, non lo sa ?
che sotto il Po, terre e genti sono tutta Africa”

Interdetta rimasi, poi ebbi la forza di dire
lei mi sta facendo discriminazione razziale
in risposta fui ancora offesa, fino a ledere
le forze rimastemi:“Lei è anche ignorante”
disse sprezzante. Piansi, scappai, su di me
si praticava senza anestesia, la vivisezione.

Stordita chiesi aiuto alla polizia dello Stato
dissero che nulla potevano, sporga querela
mi fu consigliato. Io non l'ho ancora fatto
perchè a questo punto va finire come mela
che in pasto viene data a cani porci e sorci
tutti se la ridono dicendo:cosa posso farci?

Quello è un giocherellone, uno che scherzava
Stesso gioco si fece con l'Ebraica brava gente
Rodofo P. è più che una coincidenza, razzava
Omonimo di colui che fiero di contorta mente
a milioni assassinava. Meridionale, straniera,
va dove sei nata, qui no, nessuno ti difenderà.

E' vero? ma è proprio vero che NESSUNO
nell'italico Stato difenderà la mia italianità?
Il mio Presidente, quello di tutti, ogni italiano
quello che a Roma sta in mio aiuto non verra?
Io spero che, come il sindaco della mia città,
sdegnato possa agire, dando a me DIGNITA'.

SALVATORE   COMISI

Partager cet article

Repost 0
Salvatore Comisi - dans Poesie it.
commenter cet article

commentaires

Présentation

  • : Le blog de Salvatore Comisi
  • Le blog de Salvatore Comisi
  • : Poésies, études de la Bible et articles sur tout ce qui concerne à la chrétienté du premier siècle à nos jours
  • Contact

Recherche

Liens