Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
22 février 2016 1 22 /02 /février /2016 11:36
Perché è stato necessario il sacrificio di Gesù ?

 

L'Agnello di Dio immolato, morto sulla croce


L’agnello che prende su di sé i peccati dell'umanità ricorda la Pasqua giudaica del popolo schiavo in Egitto dell'Esodo 12.

Perché, Ebrei 1:1-3 “Iddio, dopo aver in molte volte e in molte maniere parlato anticamente ai padri per mezzo de’ profeti, in questi ultimi giorni ha parlato a noi mediante il suo Figliolo. Che Egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale pure ha creato i mondi; il quale, essendo lo splendore della Sua gloria e l’impronta della sua essenza e sostenendo tutte le cose con la parola della sua potenza, quand’ebbe fatta la purificazione dei peccati, si pose a sedere alla destra della Maestà nei luoghi altissimi ''.

Dio si è fatto uomo per salvare, noi peccatori: “Compreso me (scrive S Paolo), ''difatti, tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio” Romani 3:23 ''Se diciamo che siamo senza peccato, facciamo di Lui un bugiardo e la Sua Parola non è in noi.'' 1 Giovanni 1:10;

Credersi puro senza avere mai fatto del male, senza avere fatto qualche cosa contro la volontà di Dio è peccato. '' Come è scritto, Non c'è nessun giusto. Nemmeno uno solo. Nessuno è intelligente, nessuno cerca Dio; Tutti si sono allontanati, tutti sono pervertiti; Non c'è nessuno che faccia il bene, neppure uno '' Romani 3: 10-12

Il peccato ci separa da Dio per l'eternità! '' Perché se Dio non risparmiò gli angeli che hanno peccato, ma li inabissò confinandoli in antri tenebrosi per esservi custoditi per il giudizio '' 2 Pietro 2: 4. Versetto 9 “Il Signore sa trarre i pii dalla tentazione e riserbare gli ingiusti ad essere puniti nel giorno del giudizio”

Gesù disse a illustrare la sua incarnazione: Matteo 21:33.39 Nella Parabola dei vignaioli omicidi:

«[33] Ascoltate un'altra parabola: C'era un padrone che piantò una vigna e la circondò con una siepe, vi scavò un frantoio, vi costruì una torre, poi l'affidò a dei vignaioli e se ne andò. [34] Quando fu il tempo dei frutti, mandò i suoi servi da quei vignaioli a ritirare il raccolto. [35] Ma quei vignaioli presero i servi e uno lo bastonarono, l'altro lo uccisero, l'altro lo lapidarono. [36] Di nuovo mandò altri servi più numerosi dei primi, ma quelli si comportarono nello stesso modo. [37] Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: Avranno rispetto di mio figlio! [38] Ma quei vignaioli, visto il figlio, dissero tra sé: Costui è l'erede; venite, uccidiamolo, e avremo noi l'eredità. [39] E, presolo, lo cacciarono fuori della vigna e l'uccisero.»

"Il padrone è Dio, il Figlio è Gesù, la vite è la terra dove Dio ha messo gli uomini a dare i suoi frutti, i viticoltori sono uomini che non hanno ricevuto i profeti e la Parola di Dio in Cristo, e ucciso dei profeti e come il Figlio di Dio sulla croce.

L'umanità ribelle a Dio, l'uomo peccatore, non poteva essere riconciliato con Dio per sé, con le sue azioni, l’uomo non può redimere la sua anima peccatrice. Il riscatto di ogni uomo decaduto poteva essere possibile solo attraverso l'uomo Gesù, che non ha mai peccato, il fratello, il suo parente più prossimo, l'unico autorizzato al riscatto secondo la Legge Levitica.

Se non è per l'Uomo Gesù, che si è fatto nostro fratello, non c’è possibilità di riscatto secondo la legge levitica, che stipula un riscatto possibile solo s’è fatto da uno stretto parente, se così non fosse, sarebbe un atto ingiusto, gratuito di Dio.

È in questo che deve essere vista la necessità del dono di sé stesso di Gesù, che Uomo, può esercitare il suo diritto al riscatto dei suoi fratelli gli uomini, pagando non con dei soldi o dell’oro, ma con il Suo sangue purificatore versato sulla croce, la Sua vita donata in sacrificio espiatorio prendendo su di Lui tutti i peccati, dell'umanità.

Una condizione é posta all'uomo peccatore: con un atto di fede, è indispensabile l'accettazione della salvezza vicaria di Gesù. Liberamente, ogni uomo, ogni donna deve riconoscersi peccatore, credere e dire, in se stesso convinto:

Gesù è morto sulla croce a causa dei miei pescati e il suo sacrificio è valido presso Dio affinché io possa essere ripulito e rivestito di una veste bianca. Non è a causa di miei meriti che io potrei essere accettato da Dio, ma solo purificato dal sangue di Cristo, io posso essere ricevuto da Dio nel suo Regno celeste.
Il cristianesimo è dunque la religione della redenzione, perché '' il salario del peccato è la morte, '' Romani 6:23
il perdono di Dio non poteva essere fatto gratuitamente. La sua giustizia richiede una punizione per la trasgressione, la giustizia non poteva cambiare in ingiustizia. Questo sarebbe un incentivo a fare il male, se alla fine tutto sarebbe stato perdonato a tutti, senza la necessità di condanna o di riscatto Levitico .

Il peccato è la trasgressione della legge di Dio, è qualsiasi disobbedienza alla volontà di Dio rivelata. Non ci sono “piccoli peccati” che non hanno bisogno del perdono di Dio. Il più grande comandamento di Dio è amore!

Vi è quindi un costo per il riscatto, e lo ha pagato con il Suo sacrificio l'Agnello di Dio, il sangue innocente versato da Gesù Cristo. Questo sacrificio NON costa nulla all'uomo che ha avuto un pentimento sincero, perché ''ma il dono gratuito di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore. '' Romani 6:23

La vita eterna con Dio e i suoi angeli è una certezza per il credente evangelico, non é un forse, ma un credo nella promessa della vita eterna con Dio, perché questa non si basa sui miei eventuali meriti, ma mi è stata data per grazia, nello stesso momento che ho accettato Gesù nella mia vita di peccatore.


Gesù è l'unico uomo nella storia del genere umano che è stato in grado di affermare che Egli è senza peccato, (Giovanni 8:4) “Chi di voi può convincermi di peccato? Se dico la verità, perché non mi credete? [47] Chi è da Dio ascolta le parole di Dio: per questo voi non le ascoltate, perché non siete da Dio» Questo ha detto Gesù. Cioè chi può veramente dire che io sono un pescatore?

Per far fronte anche con quello che lo stesso Giovanni scrive nella sua 1° Epistola 3: 5 ''[5] «Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che ora vi annunziamo: Dio è luce e in lui non ci sono tenebre

San Paolo spiega in 1 Corinzi 15: 45-50 “[45] il primo uomo, (Adamo), divenne un essere vivente, ma l'ultimo Adamo (Gesù uomo) divenne spirito datore di vita. [46] Non vi fu prima il corpo spirituale, ma quello animale, e poi lo spirituale. [47] Il primo uomo tratto dalla terra è di terra, il secondo uomo viene dal cielo. [48] Quale è l'uomo fatto di terra, così sono quelli di terra; ma quale il celeste, così anche i celesti. [49] E come abbiamo portato l'immagine dell'uomo di terra, così porteremo l'immagine dell'uomo celeste. [50] Questo vi dico, o fratelli: la carne e il sangue non possono ereditare il regno di Dio, né ciò che è corruttibile può ereditare l'incorruttibilità.»

1Corinzi 15: “22 Poiché, come tutti muoiono in Adamo, così anche in Cristo saran tutti vivificati; ... 24 Quand’Egli avrà rimesso il regno nelle mani di Dio Padre .... 28 E quando ogni cosa Gli sarà sottoposta, allora anche il Figlio stesso sarà sottoposto a Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, affinché Dio sia tutto in tutti. '' 1 Corinzi capitolo 15.

Partager cet article

Repost 0

commentaires

Présentation

  • : Le blog de Salvatore Comisi
  • Le blog de Salvatore Comisi
  • : Poésies, études de la Bible et articles sur tout ce qui concerne à la chrétienté du premier siècle à nos jours
  • Contact

Recherche

Liens